venerdì 26 dicembre 2014

DOLCI PROFUMI ALLA PASTICCERIA CUCCHI

Ci sono molti modi per raccontare la storia di una città. Lo si può fare attraverso i monumenti, i palazzi, le opere o la si può raccontare  attraverso i molti locali storici che la animano. Sono tanti i ristoranti, le trattorie, i caffè o le pasticcerie che hanno contribuito alla tradizione di Milano per la qualità dei loro prodotti o perché protagonisti di pagine della storia d'Italia attraverso gli eventi di cui sono stati sede e le personalità che li hanno frequentati.
Alcune settimane fa, ho avuto la fortuna di poter visitare il laboratorio della storica pasticceria Cucchi: un viaggio alla scoperta della produzione del loro famosissimo panettone. Durante la dimostrazione, tra impasti, lieviti madre e profumi di canditi e burro, ho ascoltato rapita il racconto della proprietaria, nipote del fondatore. Guidata dall'omonima famiglia da tre generazioni, la pasticceria fu fondata nel 1936, diventando il primo "caffè concerto" della città. Rasa al suolo da un bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale, venne ricostruita in poco tempo grazie alla determinazione ed alla tenacia dei proprietari, conservando tracce del passato e mantenendo la sua eleganza senza tempo. Tutto qui profuma di tradizione: i grandi lampadari retrò che illuminano le sale e i banconi, le vetrinette d'antan ed i camerieri impeccabili in giacca. Molti i poeti ed artisti che sono passati in questo locale, tutti conquistati dall'alta qualità dei prodotti e dalla cordialità del personale. Un attività portata avanti con amore e passione che punto sul rispetto della tradizione.
Pasticceria Cucchi
Corso Genova, 1
















SHARE:
Blogger Template Created by pipdig