venerdì 27 dicembre 2013

VAN GOGH ALIVE - THE EXPERIENCE


Dopo Singapore e Istanbul, Ankara e Tel Aviv, Santiago e Budapest  arriva finalmente in Italia "Van Gogh Alive" progetto creato dalla Grande Exhibitions of Australia.
Non è una mostra tradizionale ma un'esperienza artistica e multimediale senza pari, con più di 3.000 immagini proiettate in altissima definizione grazie all' innovativo sistema Sensory 4, che offrono un viaggio attraverso l'universo creativo e visionario di uno dei pittori più tormentati e amati di sempre. Non ci sono opere in mostra. Nessun disegno, nessun dipinto, solo riproduzioni in dimensioni alterate dei quadri più belli di Van Gogh proiettati in una dimensione che mette assieme la musica classica e i quadri dell'artista. L’alta definizione delle immagini proiettate consente una visione inedita e ravvicinata dei dettagli delle opere, della straordinaria tecnica e dell’utilizzo del colore avanguardistico per il suo tempo.
I capolavori dell'artista prendono così vita in una vibrante sinfonia di luci, colori e suoni. 
Dagli esordi nei Paesi Bassi, alla Parigi degli Impressionisti, fino alla permanenza ad Arles, Saint Rémy e Auvers-sur-Oise, la vita del pittore scorre attraverso i suoi capolavori dalla La camera di Vincent ad Arles alla Notte stellata.
Si possono leggere brani tratti dalle sue lettere, che raccontano attraverso le parole dello stesso Vincent, il lavoro dell’artista, le sue fonti d’ispirazione, il dramma cupo della follia con cui lottò, senza riuscire a salvarsi e che rivelano il lato più personale dell'autore
Un nuovo modo di vivere e conoscere l'arte....Affascinante ed educativo.

" Sogno di dipingere e poi dipingo il mio sogno "

Van Gogh Alive
Fabbrica del Vapore
Via Procaccini, 4
Fino al 9 marzo 2014



SHARE:

domenica 1 dicembre 2013

SHOPPING DA "CARGO"


Uno dei posti che più preferisco dove fare shopping a Milano è il Cargo. Ricavato nell'ex fabbrica dell' Ovomaltina è uno spazio immenso, undicimila metri quadri di prodotti che arrivano dagli angoli del mondo più remoti: quattro piani di mobili, casalinghi, libri, oggettistica, profumi e perfino piante tropicali. Un ristorante, una sala da té e una caffetteria completano il tutto.
I mobili sono di ottima qualità sia etnici che moderni, lo spazio espositivo è ampio e gli accessori per la cucina farebbero felici chiunque almeno una volta si sia messo ai fornelli. Parliamo di scaffali e scaffali di piatti, tazze, ciotole, attrezzi per la preparazione dei cibi ed elettrodomestici, senza contare l'angolo dei libri di cucina. Una meraviglia almeno per me che adoro cucinare....ci passerei giornate intere, anche senza comprare nulla ma solo per il gusto di curiosare.
Ed è proprio al Cargo che si è appena conclusa la prima edizione del Christmas Food Village, un villaggio tutto natalizio dedicato alla cultura gastronomica italiana.
Si è trattato della prima edizione di un evento che, da quest’anno in poi, accompagnerà tutti i Natali milanesi: un appuntamento destinato a diventare tradizionale nell’agenda dei food lovers meneghini.
Tre giorni ricchi di appuntamenti, di esibizioni ai fornelli, di degustazioni e di incontri per conoscere i grandi chef, i blogger più amati del web e i personaggi food della TV.
Non potevano trovare location più affascinante del Cargo.
"Cucinare è come amare o ci si abbandona completamente o si rinuncia"
Harriet Van Horne

CARGO
Via Meucci, 39
per gli acquisti on line:

Esiste un'altra filiale più piccola
ma altrettanto bella in Piazza XXV Aprile, 12



SHARE:

domenica 24 novembre 2013

"SANTERIA"...UN PICCOLO LABORATORIO DI CREATIVITA'

                          
   
La Santeria è un interessantissimo spazio artistico e multifunzionale situato nella ex sede storica del famoso gruppo "esterni"  in uno spazio industriale recuperato e ristrutturato alla perfezione. Se non fosse Milano, potresti pensare di essere nel Meatpacking District a New York.
Un piccolo laboratorio di creatività culinaria, con una piacevole caffetteria, una libreria con interessanti titoli di case editrici indipendenti, un negozio di vestiti con indipendent brands ed un reparto dedicato alla musica ed ai vinili. Esistono  inoltre degli uffici per il co-working per creare e condividere ore di lavoro in un ambiente creativo e dinamico ed uno spazio per mostre, eventi temporanei e corsi.
Uno spazio così che riesce a coniugare lavoro cultura ed entertainment è davvero interessante
Tenete d'occhio il calendario degli eventi sul sito perché ce ne sono di molto interessanti: che sia una mostra, un dj set, una proiezione di film o di un documentario.
Contente d'aver trovato un altro piccolo angolo nascosto nella mia Milano.
   
SANTERIA
 Via Paladini 8a   

 


SHARE:

giovedì 21 novembre 2013

LA LIBERTA' SULLA ROUTE 66


Viaggiare lungo la Route 66 è un esperienza indimenticabile  per i veri amanti dell'America e dei viaggi on the road. Significa libertà attraverso spazi sterminati, non importa per arrivare dove, ma certi di aver sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Ho percorso solamente un piccolo tratto di questa storica strada attraverso l'Arizona e la California, ma me ne sono perdutamente innamorata. A distanza di anni me lo ricordo ancora come uno dei più bei viaggi fatti.
La vera attrazione, la vera magnificenza di questa strada è la capacità che ha di teletrasportarti indietro nel tempo. Molti paesi e villaggi che attualmente sono un po' decaduti, mantengono quell'atmosfera ricca di gloria passata. Motel, insegne al neon di locali e ristoranti, ponti e vecchie stazioni di benzina in disuso, a distanza di anni sono lì a testimoniare e a farci sognare l'antico splendore e a raccontarci un pezzo di storia americana. Luoghi da poter visitare, luoghi che hanno un fascino del tutto particolare, dove il tempo sembra essersi fermato, e dove l'atmosfera ha qualcosa di "particolare".
E’ un viaggio alla ricerca del mito USA, immortalato in molti libri e canzoni. Eletta meta del vagabondaggio esistenziale beat, la Route 66 è stata il simbolo della ribellione e della libertà per gran parte dei ragazzi americani e del mondo intero, che si persero e si ritrovarono sulle pagine di “On the road”, il magnifico libro di Jack Kerouac.

Il viaggio, lungo i suoi 3.945 km, è una continua scoperta, un susseguirsi di paesaggi differenti, di cieli sempre bassi e paesaggi unici. Di vera America, di vita quotidiana e di una realtà che a volte sa di abbandono e a volte di rinascita. Sembra di vivere un film, si incontrano luoghi e persone veramente straordinari, fieri di avere ancora un ruolo in questa strada dimenticata.

Un tratto d'asfalto in un mondo a parte, fatto di libertà, di sogni e di speranze...un viaggio per sognatori..
...."Le uniche persone che esistono per me sono i pazzi, i pazzi di voglia di vivere, di parole, di salvezza, i pazzi del tutto e subito, quelli che non sbadigliano mai e non dicono mai banalità ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi d’artificio gialli che esplodono simili a ragni sopra le stelle e nel mezzo si vede scoppiare la luce azzurra e tutti fanno "Oooooh!"...

Jack Kerouac "On the road" 1957


SHARE:

giovedì 7 novembre 2013

L'ARTE AL CIMITERO MONUMENTALE


Grande e maestoso il Monumentale è più che un semplice cimitero è uno straordinario museo "en plein air". Tra le stradine silenziose e i grandi cipressi, si scoprono monumenti famosi  di personaggi importanti della storia sia milanese che italiana ed è indubbiamente uno dei posti più affascinanti della città. Tombe che sono reali capolavori, statue, sculture, affreschi e mosaici progettate dai più grandi scultori del Novecento che illustrano  la storia della città e la sua vicenda artistica.
Le grandi famiglie della borghesia imprenditoriale milanese dai Bocconi ai Falck, dai Campari ai Motta, dai Rizzoli ai Borletti, affidarono infatti la realizzazione dei loro mausolei ad architetti e scultori famosi  come Mino Fiocchi, Giò Ponti, Giannino Castiglioni e Arnaldo Pomodoro.
All'ingresso si trova il Famedio che è la memoria della città e degli uomini e donne cha hanno fatto grande la città di Milano. Nomi davvero illustri da Manzoni, Quasimodo,Carlo Cattaneo ed Hayez.
Il complesso è veramente immenso e non è facile percorrerlo senza perdersi tra le varie bellezze. Passeggiando per i viali alberati si respira silenzio e pace, romanticismo e poesia e nonostante sia un cimitero, sia da un punto di vista storico che da un punto di vista artistico merita assolutamente una visita.
  
Piazzale Cimitero Monumentale 
  


SHARE:

venerdì 1 novembre 2013

"RED" ...LEGGI, MANGIA, SOGNA


Da poco più di un mese, in Piazza Gae Aulenti sotto il grattacielo Unicredit, è stato inaugurato  il nuovo concept di Feltrinelli chiamato RED, read, eat, dream ovvero leggi, mangia, sogna.
Circondati da libri e citazioni di poeti e scrittori è possibile fare colazione, pranzare e cenare seduti in uno dei tavoli sparsi tra i più di 5.000 titoli in vendita (nella bella stagione c’è anche il dehors). La cucina è curata dall'Antica Focacceria San Francesco e propone piatti tradizionali e regionali, curati sia nella scelta delle materie prime sia nella presentazione usando prodotti del presidio slow food.
L'ambiente è molto luminoso,curato nei dettagli e moderno. Vari tablet sono a disposizione per gli ospiti e il wi-fi è gratuito. Oltre ai libri nel locale si trova anche un reparto cartoleria e oggettistica e uno di food che propone alimenti e vini della tradizione italiana, selezionati da Feltrinelli.
Non ho trovato l'ambiente intimo e rilassato delle libreria che amo, ma rimane comunque un posto piacevole e originale dove fare uno spuntino tra un acquisto e l'altro.

«Non c'è amore più sincero di quello per il cibo».
George Bernard Shaw

 

SHARE:

martedì 29 ottobre 2013

ZURENBORG, UN QUARTIERE STORICO AD ANVERSA


Ad Anversa si trova uno dei quartieri Liberty meglio conservati al mondo dove è possibile ammirare alcuni tra i migliori esempi di architettura Art Nouveau della città.
Le case sono tutte di proprietà privata, quindi non è possibile visitarle internamente, a meno che non si abbia la fortuna di conoscere qualcuno che ci abiti.  Lungo la via principale, la Cogels-Osylei, e le strade silenziose che la circondano, si trovano case di stili diversi: fiammingo rinascimentale, bizantino, gotico, neoclassico ed Art Nouveau...vale veramente la pena farci un salto per ammirarne le originali facciate con balconi in ferro battuto, vetrate istoriate ed altri curiosi dettagli.
Il distretto venne urbanizzato tra il 1892 e il 1900 dalla classe ricca e borghese di Anversa, che si
trasferì dal centro e si fece costruire case bellissime e singolari.  Negli anni '70 si decise d'abbattere l'intera area e fu elaborato un piano per costruire nuove case circondate dal verde. Gli abitanti, tra cui molti artisti, crearono un movimento d'opposizione ed agli inizi degli anni '80 riuscirono a far varare una legge sulla conservazione del patrimonio artistico rendendo tutta la zona protetta. Ad oggi ci sono più di 170 ville classificate monumento storico firmate da grandi architetti.
Ogni casa racchiude una storia, un giardino segreto che si intravede dalle grandi vetrate....passeggiare per queste vie è estremamente gradevole per la sua atmosfera suggestiva e fuori dal tempo. Gli amanti di architettura rimarranno soddisfatti da questa piccola deviazione dal centro storico.


SHARE:

domenica 27 ottobre 2013

SCIATT A' PORTER


Sulla vetrina all'ingresso troneggia questa frase:
"IN VALTELLINESE VUOL DIRE ROSPO.
GLI SCIATT SONO CROCCANTI BIGNE' DI GRANO SARACENO
DI FORMA TONDEGGIANTE CON UN CUORE DI FORMAGGIO FUSO"

Sono giorni che a Milano non si sente parlare che di Sciatt à Porter. Un tam tam mediatico che mi ha molto incuriosita e fatto venir voglia di provare gli sciatt tanto pubblicizzati.
Ed eccomi in questo piccolo locale a due passi da Corso Como, che offre piatti tipici Valtellinesi serviti in modo originale in coni e vaschette da poter essere consumati in strada. Uno spuntino alternativo ed originale che mancava a Milano.
Esistono anche dei tavolini dove poter gustare altri prodotti valtellinesi come i pizzoccheri, i taroz (pasticcio di patate e verdure condite con formaggio casera), i kisciòl (frittelle croccanti) e la bresaola. Un ambiente  molto carino che riproduce le tipiche atmosfere della Valtellina, con tronchi di betulle e pini sparsi nella sala, candele che rendono l'ambiente molto accogliente e proiezioni montane.
Il cibo è ottimo e il personale molto cordiale, veramente un bel posto ! 
E se vi venisse voglia di dilettarvi in cucina ecco la ricetta degli sciatt direttamente dai cuochi del locale:

MISCELARE IN UNA CIOTOLA LE FARINE E IL SALE, AGGIUNGERE ACQUA MINERALE, FINO AD OTTENERE UN IMPATO MORBIDO. TAGLIARE IL FORMAGGIO"CASERA" A CUBETTI (DI CIRCA 2 CM DI LATO) ED IMMERGERLI NELLA PASTELLA. RACCOGLIERE CON UN CUCCHIAIO UN CUBETTO DI FORMAGGIO ALLA VOLTA, ADEGUATAMENTE RICOPERTO DALL'IMPASTO E LASCIARLO CADERE NELL'OLIO BOLLENTE.
FAR COLORIRE GLI SCIATT E SCOLARLI
BON APPETIT !!

SCIATT A PORTER
Viale Monte Grappa, 18





SHARE:

sabato 26 ottobre 2013

A CAMDEN TOWN TRA COLORI, SAPORI E STRAVAGANZE


L’essenza della Londra più vera ed affascinante, quella della scena musicale alternativa, dell’eccentricità, della stavaganza e dello shopping per tutte le tasche è racchiusa in un solo quartiere: benvenuti a Camden Town. Sicuramente in questa parte di Londra dimenticherete tutto ciò che è ordinario.
Il quartiere è una zona che negli anni '70 era il regno dei punk e degli alternativi e che adesso è diventata più tranquilla e turistica mantenendo comunque tutta la sua vivacità e allegria.
Il Lock Market, riconoscibile da lontano grazie ad un murales sul vecchio ponte ferroviario, da il benvenuto al Camden Market. Il mercato è una combinazione di bancarelle all’aperto e al chiuso dove si può trovare di tutto. Dalla musica con tantissimi vinili, ai tatuaggi, dall’ abbigliamento alla gastronomia. Da non perdere la  "Horse Tunnel", decorata con sculture di cavalli in dimensione naturale, un vero labirinto di bancarelle: abbigliamento nuovo e usato, libri di antiquariato e tutto quello che riguarda il vintage, dai vestiti, libri, gioielli, accessori oltre agli oggetti d’ artigianato nuovi. Una volta addentrati in questo labirinto sarà difficile uscirne....
Lo spirito della Londra multiculturale si ritrova anche nel fantastico food market. Nella splendida cornice del canale che attraversa il quartiere, passeggiare tra questi banchi vi porterà in luoghi lontani ed esotici: cinese, tailandese, indiana, turca o mediterranea, potrete assaggiare il cibo più buono proveniente da diverse zone del mondo.
Caratteristico, simpatico, vivace, colorato, sovraffollato e kitsch... di sicuro un posto che non dimenticherete tanto facilmente!



SHARE:

giovedì 24 ottobre 2013

MIDDELHEIM IL PARCO DELLE SCULTURE AD ANVERSA


Il primo giugno del 1950 fu inaugurata nel parco di Middelheim, alla periferia di Anversa, un' esposizione internazionale di sculture. La mostra doveva essere temporanea ma dato il notevole successo decisero di trasformare il parco in un museo permanente.
Il Middelheimmuseum è un posto unico ad Anversa. È una combinazione straordinaria tra uno splendido parco e un’impressionante collezione d’arte e di esposizioni.
Passeggiare tra alberi secolari ammirando le sculture di Auguste Rodin, Rik Wouters, Ai Weiwei, Erwin Wurm è straordinario.. Ce ne sono più di 200 e gli stili spaziano dal classico al moderno.
Il castello completamente rinnovato ospita una caffetteria e un bookshop e nella bella stagione è piacevole fermarsi a mangiare qualcosa e rilassandosi.
Il parco è diviso in 2 parti: The Middelheim Hoog che ospitata la maggior parte delle opere dal 19esimo secolo e il Middelheim Laag con opere più contemporanee.
 È una visita che riserva sempre sorprese!

MIDDELHEIM
Middelheimlaan 61



SHARE:

martedì 22 ottobre 2013

ANVERSA

I miei prossimi post di viaggi saranno dedicati ad Anversa, una città che ho scoperto negli ultimi anni e di cui vale davvero la pena parlare. Ho avuto la fortuna d'essere ospitata da un vero belga in una casa meravigliosa, in un quartiere storico della città. 
Cosmopolita e libera, moderna ma anche antica, armoniosa, sobria e all'avanguardia Anversa è tante cose. Città d'arte, con residenze Art Nouveau, strade e castelli medievali, città della moda e capitale mondiale dei diamanti (oltre il 70% del commercio e del taglio mondiale di queste pietre preziose avviene proprio qui). E’ il secondo porto d'Europa, quindi una città d'acqua, con i suoi docks con navi gigantesche, ponti mobili e la brulicante attività sul fiume Schelda.  E’ la città di uno dei più grandi pittori di sempre, Rubens, ed un paradiso per gli amanti dei musei e dell'arte. Lo spirito del celebre pittore è presente in tutta la città e la Rubenshuis, il luogo in cui visse e lavorò, è assolutamente da non perdere.
Una città piacevolissima da girare a piedi, tra i moltissimi caffè, ottimi ristoranti, birrerie storiche e chocolateries. Un bellissimo centro pedonale con una cattedrale maestosa e imponente, vie silenziose ed angoli nascosti. Da sempre “crocevia d'Europa” e punto d'incontro tra genti e culture diverse ne fanno una città aperta dai vari quartieri mutietnici tutti da scoprire.
Moltissimi gli eventi e le mostre allestite nelle piazze o in spazi concepiti dal nulla che parlano di libera espressione in tutte le sue lingue.
E’ la pura creatività a far pulsare l'anima di Anversa.... il mio nuovo coup de coeur !! 

  
SHARE:

domenica 20 ottobre 2013

TIZZY'S ...UN ANGOLO DI NEW YORK A MILANO


New York è una città che amo alla follia e finalmente ho trovato un locale dove si assapora la vera atmosfera newyorkese.... quasi come sentirsi a TriBeCa ed invece essere sul Naviglio Grande.
Tizzy's è un vero hamburger bar, con pavimenti a scacchi bianco e neri, un grande bancone, tavolini di marmo e una grande foto che ritrae un angolo della grande mela. Insomma un arredamento da tipica tavola calda americana. 
Ovviamente il menu è made in USA ed offre una discreta scelta di hamburgers, rigorosamente serviti con buonissime french fries speziate,  sandwiches e ricche insalate. Tutto ottimo a partire dalla Brooklyn Brewery una birra ambrata e fresca servita in pitcher (che fa tanto America..).
Tra i dolci quanto di più americano si possa desiderare: banana split, cheesecake, milk shake e ice cream sundae e per finire l'immancabile caffè americano servito nella tipica mug di ceramica.
La cena ha una portata di calorie tale da richiedere una lunga passeggiata su entrambi i Navigli ma ne vale veramente la pena... Un locale informale dall' atmosfera rilassata e cosmopolita che ho apprezzato moltissimo ...Tizzy's see you later !!
  
TIZZY'S NY BAR & GRILL
Via Alzaia Naviglio Grande, 46





SHARE:

sabato 12 ottobre 2013

NAMI Sushi Restaurant


Un freddino sabato d'ottobre, un ristorante giapponese e un pranzo tra sole donne.
Chiacchiere, sushi e tè verde in un ambiente curato, accogliente e rilassante.
Il Nami sushi restaurant infatti unisce lo stile minimal con il calore dei muri a mattoni 
e delle candele sparse per il locale.
Buon cibo e giusto mix tra qualita' e quantita'...un indirizzo da tenere a mente
Merci maman !

NAMI SUSHI RESTAURANT
Corso di Porta Ticinese, 6


 
SHARE:

giovedì 10 ottobre 2013

LONDON BABY

Londra è la mia passione e prima dell'arrivo dei bambini era sinonimo di shopping, musei, pub e divertimento. Con il loro arrivo ho conosciuto un altro lato della città molto più "easy  and comfortable".  
A prima vista potrebbe sembrare una città difficile da visitare con i bimbi piccoli ma non c'è niente di più sbagliato. Infatti Londra riserva una estrema attenzione all'infanzia ed è un’ inesauribile miniera di divertimenti, svaghi ed avventure sia per le attività all’aperto con i numerosi parchi e zoo sia al chiuso con i musei attrezzatissimi e con esposizioni interattive che stimolano la partecipazione dei più piccoli.
L'unica cosa negativa di Londra è che è  una città cara ma sono sicura che con un po' d' organizzazione si riuscirà a non spendere una fortuna. Per esempio è utile sapere che i  bambini sotto i 5 anni viaggiano sempre gratis in metropolitana, Docklands Light Railway, sugli autobus e sui tram, se accompagnati da un adulto, e sotto gli 11 anni viaggiano sempre gratis sugli autobus e sui tram. Comprate la Oyster card per viaggiare con i mezzi pubblici. E' una carta ricaricabile (on line o presso le stazioni della metropolitana) che vi  farà risparmiare molte sterline e vi toglierà il peso dei contanti sui bus e la noia delle file per acquistare i biglietti nelle metropolitane.

Inoltre molte attrazioni offrono l’ingresso gratuiti ai bambini come il bellissimo Natural History Museum e il Science Museum.

Vi segnalo dei siti che ho utilizzato e che ho trovato molto utili:

buona sezione per bambini
mezzi di trasporto e consigli su dove e come ricaricare le Oyster card
sempre molto utile per trovare offerte sugli hotel

LONDON TRANSPORT MUSEUM
The Piazza, Covent Garden
Volete far guidare uno dei famosi double-decker ai vostri bimbi ?
Vicino a Covent Garden si trova questo piccolo museo dedicato alla storia e all’evoluzione dei mezzi di trasporto. Al pian terreno si trova un area molto bella dedicata alla metropolitana di Londra ed alla sua costruzione, al primo piano si trovano treni a vapore a grandezza naturale ed al secondo piano si può fare un viaggio nel tempo tra vecchie locomotive, bus e taxi con possibilità di simularne la guida.
Piccolo ma veramente divertente e ben fatto. Il negozio è molto ben fornito.





SHARE:
Blogger Template Created by pipdig